Il Micromanager

Non è che non capisca il micromanager.

Voglio dire, alla base c’è un pensiero ansioso. La paura che non tutto ciò che si segue arrivi a quell’impossibile livello di perfezione che rappresenta in qualche modo un perverso ideale da raggiungere.

E quindi si controlla. E si microgestiscono anche i dettagli. E così le persone smettono di assumersi responsabilità, perché tanto, anche nelle più piccole banalità, la responsabilità è di qualcun altro.

Perché in fin dei conti, il micromanager è un burocrate, e lui non può farci niente.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *