Sii te stesso

Uno dei miei paradossi comunicativi preferiti è quello del Sii te stesso. A ben pensarci, è impossibile non essere se stessi, ma contemporaneamente con queste semplici parole si spinge chi le riceve a prestare eccessiva attenzione al proprio comportamento, di fatto rendendolo artificiale e meno spontaneo.

Insomma, un ottimo modo per mettere in difficoltà qualcuno, in un compito che non si sente all’altezza di portare a termine.

2 commenti
  1. Claudio
    Claudio dice:

    Altro paradosso è la formulazione dell’imperativo che è rivolto al TU e non all’IO. Come faccio ad essere me stesso se la prima intenzione non viene da me? La mia anima filosofia a volte si palesa così 🙂

    Rispondi
    • Leonardo Dri
      Leonardo Dri dice:

      Grazie per il commento, Claudio!
      Il principio di fondo (e il motivo per cui questo è un paradosso comunicativo, indipendentemente da chi formuli l’imperativo) è che c’è una discordanza tra l’essere “ideale” e quello di comportamento. Controllando il comportamento, per renderlo aderente all’ideale, di fatto lo si rende artificiale, e di conseguenza se ne perde la spontaneità. Si tratta di un paradosso classico della comunicazione strategica per spiegare il concetto di controllo.

      Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *