Resistenza

Innovare è sempre un processo ambivalente. Da una parte la tensione è quella di migliorare, di fare le cose nuove, di creare il proprio futuro. Dall’altra ci si scontra con la propria omeostasi, con l’essenza dell’essere umano di mantenere l’equilibrio, una volta che l’ha trovato.

2 commenti
  1. Giorgia
    Giorgia dice:

    Ciao Leonardo, l’immagine che mi viene in mente è di un funambolo sulla corda: mantenere l’equilibrio non significa stare fermi, ma muoversi attentamente e costantemente per assicurare al corpo l’assetto. Se non si cercasse di “migliorare” si cadrebbe. Sembra paradossale!

    Rispondi
    • Leonardo Dri
      Leonardo Dri dice:

      Hai colto in pieno lo spirito del post. L’essere umano è “paradossale” molto spesso, e può migliorare davvero solo quando impara a convivere con questi paradossi. Grazie per il commento, Giorgia!

      Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *